Torna alla sezione precedente

Quando la disabilità va a canestro

Forse nessuno l’ha mai sentito nominare ma vedere Campeones (in Italiano “Non ci resta che vincere”) è un’esperienza che non si dimentica e che consigliamo a tutti.

E’ un film spagnolo, diretto da Javier Fesser uscito anche in Italia, che in chiave divertente racconta le vicende di una squadra di basket formata da giocatori disabili e dal loro “forzato” allenatore: Marco Montes (Javier Gutièrrez).

La vera partita che si gioca nel film non è quella di pallacanestro ma quella di una crescita umana collettiva. Infatti, prima dominano i pregiudizi, i dubbi e le resistenze. Quelle dell’allenatore costretto a guidare un gruppo di “alieni” come pena inflittagli dal tribunale per aver guidato in stato di ebbrezza. E quelle del gruppo di ragazzi disabili che devono “prendere le misure” con il nuovo arrivato e imparare a fare squadra tra loro.

Realismo e spiazzante spontaneità caratterizzano lo stile di una pellicola che in Spagna ha portato in sala almeno tre milioni di spettatori e che racconta il mondo della disabilità cognitiva senza retorica, né buonismo, portando in scena la vita reale delle persone con le soddisfazioni, le fatiche per superare paure radicate (come può essere quella di farsi una doccia) e i traguardi raggiunti. A proposito di traguardi raggiunti saranno proprio i ragazzi disabili che insieme alla fidanzata Sonia (Athenea Mata) riusciranno a far cambiare idea all’allenatore sulla possibilità di diventare papà, anche di un bambino con qualche eventuale difficoltà.


Giorgio Ferruzzi e Enrico Tozzi